PNL-Stella Laurini
La PNL per il TUO benessere
20/03/2016
Mostra Tutti

Quando si teme di esibire il proprio corpo in sovrappeso…

sovrappeso-Dimagrire con Gusto

Sta arrivando la bella stagione ed è quasi ora di mettersi in costume da bagno! Tra poco tutti penseranno alle vacanze e al mare. Si inizierà a pensare alla località turistica dove passare le meritate ferie.

Ma per qualcuna questo periodo rappresenta il momento più difficile dell’anno. Si avvicina il momento di togliersi i vestiti pesanti e mettersi in costume e l’ansia, la paura, la frustrazione incomincia ad aumentare a pari passo col caldo che si avvicina.

L’ansia di spogliarsi, di mostrare il proprio corpo in sovrappeso, per indossare abiti più leggeri che nascondono di meno le forme, aumenta giorno dopo giorno. Per non parlare della prova costume. Imbarazzante per qualcuna e impossibile per altre.

Per molte è il periodo della depressione. Non vorrebbero mai che arrivasse l’estate. Non si piacciono ne dentro ne fuori perchè sono grasse e fuori peso. Vorrebbero fare qualcosa, vorrebbero dimagrire o forse sparire dalla circolazione.

Allora, alcune iniziano a mettersi a dieta, altre invece, per la paura di sapere già in partenza di non riuscire ad arrivare in forma alla famosa prova del costume, si tuffano non in un mare azzurro come il cielo, ma nel cibo…. unico piacere, ma anche una forma di autopunizione.

Molto spesso, chi sa di avere dei chili in eccesso, all’arrivo dell’estate, ma anche della primavera, innesca un circolo vizioso di questo tipo:

“Oddio sta arrivando l’estate, oddio il mare, oddio adesso devo mostrare di più il mio corpo, mi piacerebbe acquistare un bel costume da bagno, un bel vestitino….ma quello che ho visto so che non mi sta bene. Mi piacerebbe avere un bel fisico, essere felice come le mie amiche. Vorrei fare qualcosa per migliorare il mio fisico, ma tanto lo so che non ci riuscirò.

Vorrei tanto anche trovare l’uomo della mia vita, ma se non sono riuscita a trovarlo prima, adesso che devo mostrare la mia ciccia sarà praticamente impossibile piacere a qualcun altro. Più ci penso e più mi viene l’ansia e più aumenta la paura più mangio.”

 

Altre oltre a tuffarsi nel cibo si chiudono a casa cercando di uscire il meno possibile…..e aspettando che arrivi nuovamente il freddo per coprirsi di nuovo.

Molte donne non sono stimolate dalla vita che conducono, dalla routine del lavoro, della famiglia, del paese in cui vivono. Così quando la vita non stimola abbastanza il cibo diventa l’unica fonte di piacere, ma anche di autopunizione.

Non è poi troppo tardi per cambiare la propria vita, indipendentemente dall’età e dei chili di troppo.

Per esempio si potrebbe iniziare a capire quale parte del proprio corpo iniziare a migliorare, i fianchi, la pancia, le gambe, i glutei. Si potrebbe andare qualche giorno alla settimana in palestra.

Se ti vedi grassa, metti da parte la tua pigrizia e le tue lamentele. Non autocommiserarti più e inizia ad uscire e a frequentare i tuoi colleghi, amici e amiche e inizia anche ad essere più disinvolta e più socievole con loro.

Inoltre, inizia a gratificarti poco per volta, non con il cibo ma con qualche gesto che ti regali piacere, come per esempio andare in un negozio e scegliere un vestito che ti faccia sentire bene,colorato che valorizzi la tua femminilità.

Questo è il primo passo per uscire dalle sabbie mobili dell’insoddisfazione che inevitabilmente si trasforma in fame nervosa.

P.S.
Puoi liberamente inoltrare questo articolo a quegli amici che, secondo te, sarebbero contenti di scoprire questa iniziativa

P.S.1
E’ la prima volta sul mio blog? Clicca su INIZIA DA QUI per iniziare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.